“MICAM in Wonderland” è il tema predominante del MICAM

Il mondo delle calzature che anima MICAM diventa l’universo fantastico che fa da cornice alle atmosfere incantate delle fiabe più celebri.

L’idea e la direzione creativa è stata curata da MM Company, con l’accounting di Laureri Associates, e accompagnerà la rassegna per le prossime edizioni. #micamtales, le fiabe di MICAM, una collezione di favole da indossare, per raccontare il mondo onirico della creatività, rilette in chiave contemporanea. Il concept funge da cornice e racchiude le tante storie narrate dagli espositori con le loro collezioni, che trasformano la manifestazione nel principale salotto creativo del mondo dedicato alle calzature. Per permettere una visualizzazione chiara del concept, la narrazione si sviluppa tramite una fiaba per ciascun anno suddivisa in due capitoli distinti: uno a febbraio (in occasione dell’edizione Autunno/Inverno del Salone) e uno a settembre (Primavera/Estate).

La prima fiaba del 2020 è MICAM in Wonderland: una trasposizione surreale dell’iconica favola grazie alle immagini scattate dal fotografo Fabrizio Scarpa e la regia di Daniele Scarpa. La campagna di comunicazione si sviluppa attraverso la creazione di un set avente prospettive e volumi completamente sfalsati grazie a particolari ottiche grandangolari che deformano le figure. Le scenografie includono molteplici elementi e dettagli che appartengono all'immaginario legato alla fiaba, qui rimescolati, manipolati e poi riassemblati. Dietro a delle immagini apparentemente disordinate c’è in realtà un significato preciso, un ordine che in superficie sembrava invece assente, come nel Paese delle meraviglie. Alcuni di questi oggetti accompagneranno anche i visitatori all’interno del Salone, in una vera e propria exhibit-experience.

L'appuntamento con il MICAM è fissato al 16-19 Febbraio presso il quartiere fieristico di Fiera Milano Rho.

 

Ti è piaciuto l'articolo?

Clicca sulla stella per votare!

Media voto 0 / 5. Numero voti: 0

Ancora nessun voto! Vuoi essere il primo?