I grandi player internazionali del settore rischiano forti perdite economiche e ritardi nell’approvvigionamento delle quantità necessarie ai propri fabbisogni.

Da luglio, le fabbriche in Vietnam, il secondo fornitore di calzature degli Stati Uniti dopo la Cina, sono state chiuse a causa di problemi legati alla pandemia di COVID-19. Le chiusure, che sono andate avanti per oltre nove settimane, hanno causato non pochi problemi ai marchi di calzature e abbigliamento sportivi che si affidano al Vietnam come fornitura e logistica. La maggior parte dell’impatto si sta facendo sentire nella parte meridionale del Paese, che ospita la maggior parte delle basi produttive per le aziende di calzature e abbigliamento.

Il titolo Nike è sceso dell’1,3% dopo il downgrade da BTIG. Anche Adidas e Under Armour erano in calo a partire da lunedì mattina. I brand dell’alta moda, invece, sono stati complessivamente meno colpiti dal problema delle chiusure.

Anche le società di sportswear stanno cercando di mitigare l’impatto. Adidas ha riassegnato la produzione e l’approvvigionamento ad altri paesi e sta utilizzando il trasporto aereo per prodotti di fascia alta. Le fabbriche in Vietnam dovrebbero riaprire il 25 settembre. E quando lo faranno, gli analisti prevedono che le operazioni torneranno probabilmente ai normali livelli di produzione nel tempo.

 

 

Ti è piaciuto l'articolo?

Clicca sulla stella per votare!

Media voto 0 / 5. Numero voti: 0

Ancora nessun voto! Vuoi essere il primo?