Sneakers Magazine Girl Power #1 - Digital Edition

GIRL POWER #1

Siamo orgogliosi di presentarvi il primo numero di Sneakers Magazine Girl Power, il nostro nuovo progetto editoriale tutto dedicato al - sempre più grande e influente - pubblico femminile, senza mezzi termini, la prima rivista di sneakers al mondo interamente focalizzata sul mondo WMNS. Un'edizione gemella della rivista pensata per dar voce e alimentare un fenomeno in forte e continua espansione: l'inedita attenzione di consumatrici e brand (quelli con le più interessanti proposte pensate ad hoc) per le sneakers.

Sneakers Magazine Girl Power sarà disponibile a partire dalla prossima settimana tra selezionati negozi in Italia e in Europa. Per ulteriori informazioni sulla vendita diretta, distribuzione e abbonamenti mandate una mail a info [at] sneakersmagazine.it

Qui sotto uno sguardo all’interno della rivista con la versione digitale, seguita dall'editoriale (ITA/ENG) di questo primo capitolo di una nuova storia: Sneakers Magazine Girl Power.

-

Sneakers Magazine Girl Power #1 - Editoriale 

Donne e sneakers? Qualcuno storcerà il naso. Qualcuno dirà che alle ragazze interessano solo i tacchi alti. Bè, abbiamo una notizia per queste persone. Le ragazze amano le sneakers. Lo dimostra la rivista che tenete in mano, l'entusiasmo che ha accompagnato questo progetto, che mai chiameremo una semplice "costola" di Sneakers Magazine!

Entusiasmo da parte nostra, certo. Ma anche da parte dei grandi marchi che hanno rimesso il pubblico femminile al centro dei loro progetti, consci del fatto che sneakers e donne sarà un binomio inscindibile, che dominerà il mercato negli anni a venire. E soprattutto, entusiasmo da parte delle sneakerhead che conosciamo e apprezziamo, le ragazze che dal basso spargono ogni giorno un po' di cultura nelle strade fisiche e digitali del mondo globalizzato.
È stato questo feedback energetico e disarmante a convincerci che c'è spazio per un magazine completamente dedicato alle appassionate di sneakers, destinato a diventare un appuntamento fisso: due numeri quest'anno, poi uno ogni bimestre, a completare l'offerta di Sneakers Magazine come Yin e Yang. Un progetto dal respiro internazionale, che per ora coinvolge Italia e Spagna, ma presto potrebbe allargarsi ad altri paesi europei. Una piccola rivoluzione, se ci passate il termine.

"La rivoluzione non andrà in TV", diceva il poeta afroamericano Gil Scott-Heron all'alba degli anni Settanta. Ma i tempi sono cambiati, e forse oggi è più facile per tutti accorgersi, se non della Rivoluzione con l'iniziale maiuscola, almeno di piccole rivoluzioni particolari, che coinvolgono le nostre abitudini e le nostre passioni. La nostra passione, ormai da più anni rispetto a quelli che riusciamo a ricordare, sono le sneakers. E proprio osservando da un punto di vista privilegiato il mondo delle scarpe sportive, nel corso delle ultime stagioni abbiamo captato le avvisaglie di una rivoluzione che potrebbe cambiare il volto di questo mercato fatto di suede, pelle, mesh e gomma.

Una rivoluzione che abbiamo riassunto in due parole: Girl Power. Un'espressione che andava di moda all'inizio del millennio, quando scrittrici come J.K. Rowling conquistavano il mondo letterario, cantanti come Beyoncé Knowles dominavano le classifiche, e donne politiche come Angela Merkel guidavano alcune delle più potenti nazioni del globo... Hmm, a pensarci bene le cose non sono cambiate più di tanto, no? Anzi, appare chiaro che il Girl Power è ancora tra noi, destinato a rimanere.

La novità è che la rivoluzione del Girl Power sta finalmente coinvolgendo anche il mondo sneakers, che fino a poche stagioni fa sembrava un immutabile, stantio club per soli gentlemen. Per anni infatti la metà femminile del cielo degli sneakerhead si è dovuta accontentare di linee di prodotto che apparivano pensate dagli uomini per gli uomini. Fatto tutt'altro che stupefacente, peraltro: le figure chiave della storia sneakers, che si parli di imprenditori, designer, atleti o collezionisti, sono sempre maschi. O almeno lo sono sempre stati. Così, per le poche sneakerhead in giro, le visite ai negozi specializzati finivano spesso per tramutarsi in tristezza e frustrazione: mentre al pubblico maschile venivano offerte le colorazioni migliori e un'enorme possibilità di scelta, la sezione "girls" (che spesso era "kids and girls", quasi un'ulteriore beffa) appariva un ghetto lontano e dimenticato, fatto di pochi modelli invitabilmente declinati su tinte di rosa e violetto (quando andava bene) o (peggio ancora) su mefitiche combinazioni nero/argento e nero/oro. In generale, per chiunque indossasse un numero sotto il 38, la scelta era obbligata: o comprare due/tre paia di solette, per cercare di indossare la più piccola delle taglie maschili, oppure andare in giro con un paio di Air Max rosa. Intendiamoci, non abbiamo niente contro il rosa. Il problema è la riduzione delle opzioni. Della libertà, direbbe qualcuno.

Ma questo è il passato, per fortuna. Perché dal 2010 a oggi qualcosa si è mosso, e il pubblico femminile sembra essere improvvisamente al centro dei pensieri dei giganti dell'industria. Pensiamo all'offerta ampliata di taglie e colorazioni vista su alcuni modelli-icona rilanciati nel corso delle ultime stagioni; alle collaborazioni messe in piedi (scusate il gioco di parole) con artiste divenute perfino direttrici creative di alcune divisioni premium di marchi storici; alla presenza sempre più pervasiva di appassionate sneakerhead sui social network; all'arruolamento di designer provenienti dal mondo del pret-a-porter femminile, per la creazione di collezioni-capsula a tiratura limitata. Questo e molto altro è il Girl Power del mondo sneakers. Noi proveremo a raccontarvi questa rivoluzione, un pezzetto alla volta, su queste pagine. All'interno di questo magazine troverete storie, reportage, shooting, tanti contenuti dedicati al rapporto tra scarpe sportive e pubblico femminile. Ma soprattutto tante novità di prodotto capaci di testimoniare come la rivoluzione sia già arrivata nel mondo sneakers. Forse non andrà in TV, certamente la troverete su queste pagine.

***

Sneakers Magazine Girl Power #1 - Editorial 

Women and sneakers? Some will be puzzled. They will say that girls are only attracted to high heels. Well, we have something to tell you, dear skeptic. Girls simply love sneakers. And the magazine you are browsing is a demonstration of that – the enthusiastic participation behind this project, that is not a minor version of Sneakers Magazine!

Part of the enthusiasm is ours, of course. But it also comes from the great brands that have placed the women at center stage in their projects, aware that sneakers and girls will be an indissoluble couple impacting the market for some time. And the greatest enthusiasm, more importantly, comes from the girl sneakerheads we already know and appreciate – girls that spread some bottom-up culture everyday through the real and virtual streets of our globalized world.

It was this energy-giving and enthusiastic feedback what convinced us that there is room for a magazine entirely devoted to the girlfriends of sneakers, destined to become a bimonthly: for now we start with two issues, but then it will come out every two months, with a view to integrating the rhythm of Sneakers Magazine, much like the Yin and the Yang do. A project with an international standing that already spans Italy and Spain and might soon extend to other European countries. A small revolution, if you will.

“The revolution will not be televised”, used to say the Afro-American poet Gil Scott-Heron in the early 1970s. But time has changed, and today it’s up to anyone and easier to recognize the coming of small, local revolutions (perhaps not the big-R Revolution flaunted back then) that are disrupting our habits and passions.

Our passion, after so many years that we can hardly keep count, is still the sneakers. And it was the careful observation of the world of sport shoes from a privileged position such as ours, that allowed us recognize the first signs of a revolution that might transform the character of this sector made of suede, leather, mesh and rubber.
A revolution that we think should be epitomized by two words: Girl Power. An expression that was fashionable during the early 2000s when writers such as J.K. Rowling were winning the literary world, singers such as Beyoncé Knowles were dominating the hit-parades, women of power such as Angela Merkel were leading the most powerful countries around the world. Well, on closer inspection we have to admit that nothing has changed a lot since then, isn’t it?

The real novelty is that the Girl Power revolution is finally reaching the sneaker world, that until a few years ago seemed to be almost unchangeable, like a stale only-for-gentlemen club. For so many years now the women side of the sneaker-tribe has been asked to be satisfied with product lines that were designed by men and for men. That was no scandal back then, as the protagonists of the sneaker world had always been men, whether we talk of entrepreneurs, designers, athletes, or collectors, at least until recently. To the effect that going shopping or visiting the specialized stores was a frustrating experience for the few girl sneakerheads around. While the male customers were offered the best colorways and a vast array of options, the girl’s corner (that often read, “kids and girls”, to have insult added to injury) would look like a remote and forgotten ghetto, harboring very few models that tended to feature (if you were fortunate) the inevitable pink and violet hues or (even worse) the unpalatable black/silver and black/gold combinations. As a matter of fact, if your size was any number below 7 you had no choice, but to buy a couple of inner soles in order to try to wear the smallest sizes for men, or deciding you will rove the streets with a pair of pink Air Max. Let’s be clear, we never opposed pink as a color – the problem was the shortage of choice. The limited freedom, we would say.

But this is past, happily. Because something has changed in the last five years, and the women customers have been making their glorious comeback to occupy the minds and industrial plans of the sector giants. Think of the vest array of sizes and colorways marking some of the icon models released in the last few years; or the collaborations involving women artists that have become very often creative directors of some premium divisions for this or that brand; or the pervasive presence of passionate girl sneakerheads on the social networks; or the enlistment of designers with a background in the world of woman prêt-a-porter to create capsule-collections in limited edition. All that and more is the thrust of Girl Power in the sneaker world. On these pages we will try to tell you this revolution, one bite at a time. And in this magazine you will find stories, reportages, shootings – more and more content about the intimacy between sport shoes and women. And more than that, so many fresh new products that will testify that the revolution has reached our beloved sneaker world. It will not be televised, perhaps, but you will certainly find it here.